Comunicati stampa

Sol d'Oro emisfero sud dà appuntamento in Argentina nel 2021

/ di

In programma dal 17 al 20 settembre 2020 in Argentina era stata spostata a Verona a causa del Covid-19, ma la maggior parte de i campioni hanno potuto essere sdoganati.

 Verona, 21 settembre 2020 – Nell’impossibilità di ricevere i campioni degli oli iscritti a Sol d’Oro Emisfero Sud, l’edizione 2020 del concorso oleario internazionale di Veronafiere/Sol&Agrifood dedicato agli extravergine di qualità prodotti al di sotto dell’equatore è stata rimandata al 2021.

Inizialmente, visto che in tempi di Covid 19 è più facile spostare le merci che le persone, Sol d’Oro Emisfero Sud, previsto quest’anno in Argentina dal 17 al 20 settembre era stato riprogrammato a Verona. La normativa doganale ha reso però più complicato del previsto il recapito dei campioni di olio extravergine iscritti, provenienti da Sudafrica, Sud America e Ocenia, impedendo di fatto lo svolgimento della competizione.

“L’appuntamento è solo spostato a settembre del prossimo anno, sempre in Argentina”, afferma Marino Giorgetti, capo panel di entrambe le edizioni annuali (Emisfero Nord ed Emisfero Sud) dell’unico concorso oleario internazionale in blind tasting.

La produzione olearia dell’emisfero sud è pari solo al 2% della produzione mondiale e quest’anno non è stata particolarmente abbondante: l’Australia ha prodotto circa 20 mila tonnellate in linea con il 2019, mentre Cile con circa 18 mila tonnellate, Argentina con circa 30 mila, Uruguay con circa 2 mila hanno registrato un calo di circa il 10%, a causa anche delle forti difficoltà legate alla gestione sanitaria per il Covid-19 che ha colpito proprio durante raccolta. “L’olio è di qualità non eccezionale ma certamente buona; la volevamo scoprire durante Sol d’Oro”, spiega Giorgetti che ricorda il miglioramento qualitativo di cui i nuovi Paesi produttori si stanno rendendo protagonisti.

Di qualità ottima, anche se con produzioni scarse nel meridione, si parla per l’olio italiano all’inizio della nuova campagna olearia. In questo periodo di emergenza sanitaria la qualità dell’olio extravergine di oliva sta suscitando un nuovo interesse dei consumatori, che stanno diventando più attenti all’origine dei prodotti, in particolare di quelli alimentari. “I produttori mi hanno spiegato che se da un lato hanno subito lo stop del canale horeca, dall’altro hanno beneficiato di un incremento delle vendite in azienda e online, trainate da una crescita delle visite negli agriturismi e nei frantoi da parte di tanti turisti italiani che quest’anno non sono potuti andare all’estero, e ciò ha sicuramente migliorato la conoscenza dei consumatori”, racconta Giorgetti. “Le aziende ancora non attrezzate hanno dovuto fare un balzo organizzativo non indifferente, mentre chi già praticava l’e-commerce ha visto crescere ulteriormente le vendite anche per produzioni di nicchia”, continua Giorgetti, che si dimostra fiducioso per il futuro.

Condividi l'articolo

Categorie: Sol&Agrifood, Sold'Oro

Servizio Stampa Veronafiere

Tel.: + 39.045.829.82.42 – 82.85
E-mail: pressoffice@veronafiere.it
Web: www.solagrifood.com

Cercami su: