Il mondo dell'olio di eccellenza: premiati i vincitori del Sol d'Oro

Il Concorso internazionale Sol d’Oro 2021ha vissuto la giornata della consegna dei premi, trofei ambitissimi per chi produce olio di qualità, molti dei quali giunti a Verona per vivere da protagonisti le animatissime giornate di Sol&Agrifood Special Edition. Podio al centro del palco dell’Auditorium Verdi di VeronaFiere, con Matteo Gelmetti, Vice presidente di Veronafiere a dare il benvenuto a tutti i partecipanti e Colomba Mongiello. Organizzazione curata, nel rispetto assoluto delle norme Covid-19: Antonella Capriotti, con Marino Giorgetti, capo panel del Concorso e Maurizio Pescari, ad accogliere i premiati presenti, felici di ricevere il Sol d’Oro, d’Argento e di Bronzo e le Gran Menzioni nelle diverse categorie. Presenze importanti visto il periodo di totale immersione nel lavoro per olivicoltori e frantoiani, impegnati nella nuova campagna olearia; un lavoro attento per ottenere un olio extra vergine di altissima qualità, con cui misurarsi nella sfida del concorso internazionale 2022. Tra una premiazione e l’altra, l’occasione è stata colta anche per avere impressioni e sensazioni dall'osservatorio privilegiato di chi rappresenta l'eccellenza olearia nazionale, dalla Puglia alla Sardegna, passando per altre sei primarie regioni olivicole, un giro d'Italia con i vincitori del Sol d'Oro.

L’olio secondo Pietro Re: Olio Tamìa.

La tradizione è nemica dell'innovazione, anche di quella amica dell'ambiente. “La nostra azienda è una creatura giovane, nata come una start up olivicola ma questo non vuol dire che non abbia un passato - afferma Pietro Re, patron di Olio Tamia, presente nell'area Biols EUdi Sol&Agrifood Special Edition- conserviamo ancora i diplomi di merito ricevuti per gli oli prodotti dai nostri olivi datati 1931. Ma l'olio di oggi non è quello dei nostri nonni.”

La Calabria è casa mia, una terra unica! Parola di Enzo Barbieri

Quando sapori e profumi riescono ad avere un volto, il percorso di costruzione di un profilo identitario del territorio ha eccezionali possibilità di successo. Sol&Agrifood Special Edition(Verona, 17/19 ottobre) ha offerto un’incredibile possibilità di scelta e conoscenza, con il prodotto alimentare - olio, birra, formaggio, salumi, ortaggi - si sono trasformati da protagonisti assoluti e ricercati, ad attori coinvolti in interpretazioni vincenti, grazie alla passione di produttori entusiasti, capaci di unire alla qualità del loro lavoro, il valore culturale della loro vita quotidiana.

Ci vuole un maiale felice per produrre una buona Ventricina.

È merito della Ventricina, tipico e pregiato salume della tradizione abruzzese, se gli allevamenti inglesi sono più sostenibili e attenti al benessere animale. Tutto cominciò una ventina di anni fa, quando il Principe Carlo, erede al trono d’Inghilterra, si soffermò su uno slogan dei produttori abruzzesi: “Ci vuole un maiale felice per produrre una buona Ventricina”.

Sol&Agrifood SpeEd: protagonisti gli oli vincitori del Sol d’Oro 2021

I produttori di olio extra vergine di oliva saranno al centro di Sol&Agrifood SpeEd, in programma a Verona, dal 17 al 19 ottobre.Marino Giorgetti, capo panel del Concorso Internazionale Sol d’Oro sin dalla prima edizione, curerà le iniziative legate all’olio, coordinando un programma articolato e suggestivo.

Sol&Agrifood - Luppolo, Malto e Mosto d'Uva. A Verona le stagioni della Birra.

Luppolo, malto o Mosto d'uva, anche l'Italia definisce il suo codice della Birra, un mondo che sarà protagonista di Sol&Agrifood Special Edition, (Verona, 17/19 ottobre).